IL SANTUARIO SANTA MARIA DEGLI ANGELI

La storia di questo luogo iniziò nel 1250 quando un sacerdote cassanese ebbe una visione rivelatrice scoprendo che su una parete di una grotta della Murgia era affrescata l’immagine sacra della Madonna degli Angeli nascosta nel 717 a causa delle persecuzioni. Da quel momento ebbe inizio la costruzione di una arcaica chiesa e poi nel 1469 quella del convento oltre che la celebrazione ogni 2 agosto della festa di ritrovamento dell’immagine. Questa immagine tuttavia andò incontro all’oblio e il paese pensava che si trattasse soltanto di una leggenda,leggenda che venne ritrasformata in verità nel 1855 a seguito di una seconda rivelazione. Dopo aver conosciuto uno stato di abbandono e trascuratezza il convento passò sotto la gestione nel 1935 dei padri agostiniani che quindi lo riportarono a risplendere.

Dopo aver dato uno sguardo all’esterno osservando magari il meraviglioso panorama che spazia fino a Bari e al Gargano è il momento di entrare in una chiesa che sorprenderà di certo con una navata centrale che provvista di volta a botte racchiude un caratteristico presepe realizzato con pietre locali ed un imponente altare maggiore ospitante la statua della Madonna degli Angeli che addobbata con importanti vesti d’oro sfila in processione per le vie del paese nelle giornate della festa patronale. Nella navata laterale destra abbiamo dei dipinti raffiguranti vari santi ed un prezioso pulpito risalente al sedicesimo secolo. Sulla sinistra invece scorgiamo il cappellone del crocifisso con all’interno un altro altare imponente quasi quanto quello principale. Tornando alla navata centrale inoltre notiamo delle scale,queste portano alla famosa grotta in cui è stata trovata e ritrovata l’immagine della Madonna tutt’ora presente all’interno di essa.

 ESCAPE='HTML'
 ESCAPE='HTML'
 ESCAPE='HTML'
 ESCAPE='HTML'